Vai al contenuto

INGREDIENTI PER 25 BISCOTTI DI GRILLI

Secchi
- 2,3 cucchiai di farina di mandorle
- 1,3 cucchiai di farina di grilli
- 1,4 cucchiaini di soda da cucina
- 1,8 cucchiaini di sale di mare
- 2 cucchiaini di ginger
- 3 cucchiaini di zucchero di cocco
- 1,2 cucchiai di spezie

Umidi
- 1,2 tazze di burro di mandorla
- 2 cucchiaini di melassa
- 1,3 tazze di sciroppo grezzo di acero
ISTRUZIONI DI PREPARAZIONE
  1. In una scodella, combinate tutti gli ingredienti secchi.
  2. Aggiungete quindi gli ingredienti umidi a quelli secchi, e girate bene per combinarli.
  3. Refrigerate la pietanza per 30 minuti
  4. Preriscaldate in forno a 180° Celsius
  5.  Strofinate  il foglio di biscotti con olio vegetale o utilizzare carta pergamena per non fare attaccare i cookie 
  6. Arrotolare i biscotti in palline da 1 cm, quindi immergerli nello zucchero di palma prima di metterli sul foglio di biscotti
  7. Cuocete per 15 minuti, quindi fateli raffreddare prima di servirli
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ricchi di proteine di ottima qualità con un alto contenuto di vitamine del gruppo B e minerali fondamentali come Zinco e Ferro, apportano pochi grassi, e quei pochi sono per lo più i preziosi omega 3, ma c'è di più costano poco e la loro produzione rispetta l'ambiente. Insomma l'alimento ideale, se non fosse per un piccolo particolare, si sta parlando di mangiare insetti! La commissione Europea ha investito 3 milioni di Euro per cercare di convincerci a farlo e la FAO, organizzazione delle Nazioni Unite per Alimentazione e Agricoltura, ha istituito una commissione di 75 esperti per studiare le potenzialità dell'introduzione nella nostra dieta di molte specie di insetti, ha inoltre pubblicato quest'anno un libro che descrive gli utilizzi potenziali e tradizionali degli insetti nell'alimentazione umana, sì perchè in altri paesi del mondo gli insetti già si mangiano, si stima che fanno parte della dieta tradizionale di almeno 2 miliardi persone e sono usate come alimento più di 1000 specie; i più consumati sono i coleotteri, seguono poi i bruchi, le api, vespe e formiche, ma anche cavallette locuste e grilli. Chi li ha assaggiati assicura che hanno un gusto che ricorda la nocciola.......

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Gli insetti potrebbero essere la nostra salvezza

Secondo uno studio della FAO,la popolazione terrestre aumenta velocemente; presto potrebbe toccare i nove miliardi e provocare gravi problemi di alimentazione.

Gli allevamenti che ci forniscono carne, già oggi sono molto dispendiosi: richiedono forti costi per l'utilizzo di acqua,energia elettrica, mangimi ed emettono grandi quantità di gas serra.

Il problema, preso in considerazione dalla FAO alcuni anni fa nel programma EDIBLE INSECTS, può trovare soluzione nella diffusione dell'entomologia.

Se si tiene conto che già oggi due miliardi di persone si nutrono di insetti, principalmente in Asia, Africa, America Centrale, e che gli insetti sono ricchi di proteine, acidi grassi essenziali, minerali, vitamina B, oltre ai costi allevamento nettamente più bassi, la strada sembra tracciata.

Attualmente la legislazione italiana non permette di allevare, trasformare e commercializzare insetti per l'alimentazione umana, ma dal 1 gennaio 2018 entrerà in vigore un nuovo regolamento europeo, che permetterà la libera commercializzazione in tutta Europa.

La svizzera,dal 1 agosto 2017, è stata la prima nazione europea a mettere in commercio gli insetti che si possono già trovare in vendita nei supermercati COOP, sotto forma di polpettine e burger. La curiosità ha portato i suoi effetti e in breve gli scaffali si sono svuotati.

Secondo un'indagine della Coldiretti solo il16% degli Italiani sarebbe favorevole al consumo di insetti tali e quali,mentre la percentuale aumenta se si considera l'uso di farine di insetti in aggiunta a prodotti di abituale consumo (crakers,biscotti..)

  •  
  •  
  •  
  •  
  •