Vai al contenuto

Insetti, il cibo del futuro!

Panini, Pizze, Kebab, ma chissà che in futuro non ci faremo anche grandi abbuffate di insetti. "Accanto a me ci sono prodotti a base di insetti commestibili" che non troviamo ancora in Italia ma troviamo in altre parti del mondo, questa ad esempio è una Tarantola Zebrata, un'aracnide" La FAO già da alcuni anni spinge sul potenziale di grilli e affini anche in previsione dell'imminente fabbisogno alimentare. "Nel 2050 saremo 9 miliardi quindi quasi 3 miliardi di persone in più, gli insetti commestibili sono un cibo molto sostenibile quindi inquinano poco, consumano poca acqua potabile, hanno una caratteristica, che sono molto ricchi in proteine, quindi possiamo dire che hanno delle percentuali proteiche molto elevate e anche ricchi di oligoelementi e amminoacidi. 1900 specie di insetti commestibili che sfamano circa due miliardi di persone nel mondo sopratutto in Sud America, Africa e Asia, in Italia però il menù a base di api e cavallette resta ancora vietato. "Erroneamente si pensa che gli insetti siano degli animali sporchi, molti insetti sono puliti, siamo abituati invece a mangiare non ci facciamo problemi animali che invece sono molto sporchi, il maiale, per eccellenza è un  animale non certo pulito". Per superare il confine culturale non resta che fare la prova. Dal blog di daniella martin, guru della cucina a base di insetti scarichiamo la ricetta dei tacos con camole del miele della farina ingredienti, rucola o coriandolo, pomodori, cipolla, avocado, un thacos e mezza tazza di tarme ben lavate. Si soffrigge la cipolla, si aggiungono i vermi si salta tutto con sale e qualche spezia, una volta scaldato il tacos si compone il rotolo; il risultato è esotico estraneo verrebbe da dire "La soia o il Kiwi, non appartenevano alle nostre tradizioni alimentari, fino a poco tempo fa oggi li troviamo ovunque e nessuno si spaventa". E allora: buon appetito o quasi!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *