Vai al contenuto

Aprire un allevamento di Insetti Commestibili in Italia: come fare?

Tra meno di un mese sarà possibile vendere e commercializzare insetti commestibili su tutto il territorio Europeo e nella fattispecie in Italia. Ma veniamo alla fatidica domanda: come devo fare per aprire un allevamento di insetti commestibili in Italia ed essere messo in regola con la normativa?

La risposta non è affatto semplice, proviamo a svilupparla per punti.

Dal 2018 le norme consentiranno di allevare insetti per uso alimentare, dal quadro europeo, partiranno le nuove direttive per il Novel Food
_______________________________________________________________________________________
al momento la direttiva di riferimento è la n. L 327/1 del 11/12/2015, Reg. (UE)  n. 2015/2283 - Dal 2018 sarà operativa la nuova norma Europea sui nuovi alimenti)
_________________________________________

La situazione al momento è in realtà paradossale, infatti, gli insetti sono considerati a tutti gli effetti dei parassiti delle derrate alimentari, e per tanto ogni forma di allevamento di insetti commestibili non è attualmente regolamentata, anche per insetti per alimentazione animale ci sono molte controversie.
A tal proposito ci sono alcuni studi molto interessanti sull'allevamento di insetti per la preparazione di farine alimentari per alimentazione animale a questi due link:
Insetti Uso Alimentare Progetto Bomb-Hi

Come si svilupperà l'iter di regolamentazione per questi nuovi tipi di allevamenti ?

In alcuni paesi europei, tra cui Belgio e Olanda, la situazione è già sbloccata ed esistono particolari normative che prevedono l'allevamento di insetti commestibili, purtroppo in Italia al momento non esiste ancora nulla del genere, e per questo si dovrà aspettare nel vero senso della parola fino a Gennaio 2018, quando le acque inizieranno a muoversi.

Molto probabilmente le Camere di Commercio sapranno come indirizzare i potenziali agricoltori di insetti commestibili, sarà probabilmente necessaria una iscrizione al registro delle imprese agricole della sezione provinciale/regionale.

Oltre a questo, sarà richiesta l'apertura di una Partita IVA e l'iscrizione all'INPS e all'INAIL insieme alla richiesta di una valutazione del rischio a norma di legge 81/2008

Nello specifico, spetterà all'INPS, INAIL e Camera di Commercio l'instradamento verso la corretta settorializzazione dell'apertura di questo nuovo tipo di attività, il tutto a partire da Gennaio 2018!

Nel caso di vendita al pubblico, servirà anche un'autorizzazione igienico sanitaria da parte dell'Asl Competente.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *